Sono rimasta più di cinque minuti su quel divano, immobile ed a pancia in giu, con lo sguardo perso su un orologio, per vedere se ce l’avresti fatta a prendere quell’autobus. Sapevo che ce l’avresti fatta, ma volevo immaginare te camminare veloce, ancora con il sorriso sulle labbra, quelle labbra che pochi secondi prima mi avevano lasciato con un bel bacio dolce e morbido.
Ho sentito il bus passare con il suo solito rumore, ho sorriso pensando a te, con un po’ di tristezza perchè andavi via, ma il cuore pieno di amore.
Vorrei vivere infinite giornate così, andando a pranzi di famiglia, ascoltando le decisioni di una ragazza che deve scegliere la scuola superiore, i dispetti di una bimba, i pettegolezzi di una famiglia intera.. Tornare a casa con il sole ancora alto e stare lì, al caldo, abbracciati.. Ridere insieme di cose stupide, commuoversi davanti ad un diario, ad un ricordo, e rendersi conto che il tempo passa ma noi siamo sempre gli stessi, gli stessi che si sono conosciuti davanti a quel bar quella sera d’inverno.
Abbattere tutte le difese, tutti i muri e sentirsi una cosa sola, insieme…per essere felici…noi lo siamo, siamo felici.

Annunci